In cauda venenum

Mia cara Berenice,

stando alla previsioni meteorologiche, oggi dovrebbe essere l’ultima giornata di peine forte et dure nella capitale.

Il cielo è lattiginoso come nella Pianura Padana, l’afa degna dell’India Britannica, tira un vento caldo da avamposto della Legione Straniera nel Sahara e cadono rade gocce di pioggia, come nella leggendaria tortura cinese.

Per giunta, le reti sociali mi informano che a Venezia si è abbattuto un violentissimo temporale, con scudisciate d’acqua a frustare spietatamente Piazza San Marco.

In altre parole l’antitesi e, al tempo stesso, la perfetta sintesi della tempesta perfetta.

Insomma, questa estate sta facendo l’uscita di scena che merita.

Posso solo sperare, a questo punto, che vento e grandine non scelgano queste settimane cruciali per fare visita ai vigneti della Terraferma.

Uno scaramantico saluto.

Stan

PS: Ora sono al parco e la situazione sembra migliorata. Cani, cani e cani. Cani ovunque. Branchi di cani.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...