NATO, UE e cerchi concentrici

Mia cara Berenice,

mai si è parlato tanto di NATO come in queste settimane, ed è quindi curioso, per un giurista come me, leggere il Trattato del Nord Atlantico e non trovarvi traccia della relativa Organizzazione.

L’articolo 3 sembra anzi escludere ogni collaborazione strutturata: “Al fine di raggiungere più efficacemente gli obiettivi del presente Trattato, le Parti, separatamente e congiuntamente, in continua ed efficace autonomia e mediante l’assistenza reciproca, mantengono e sviluppano la loro capacità individuale e collettiva di resistere a un attacco armato”.

L’articolo 9, tuttavia, prevede, se non un’organizzazione, quantomeno degli organi: un Consiglio e organismi ausiliari istituiti dal medesimo, tra cui obbligatoriamente un Comitato di Difesa.

Da questo seme è nata una vera foresta di enti, organi e uffici, tra cui una Divisione Informazioni e Sicurezza, un Tribunale Amministrativo, uno Stato Maggiore, diversi Comandi e Agenzie controllate.

Giuridicamente, tuttavia, la natura destrutturata dell’accordo non cambia, tanto è vero che la Francia per un lungo periodo si è ritirata dall’Organizzazione, pur restando Parte del Trattato. Proprio per questo motivo, negli anni ’60 il Comando Supremo e la sede centrale della NATO si sono spostati da Parigi a Bruxelles.

Insomma una palla di gomma elastica che sta mostrando la sua duttilità anche in occasione della crisi ucraina. Da una parte, alcuni importanti Paesi dell’Organizzazione avrebbero offerto a Svezia e Finlandia garanzie di sicurezza interinali, in attesa dall’ammissione formale da parte del Consiglio Atlantico. Dall’altra, la Russia ha liquidato la domanda d’adesione di Stoccolma e Helsinki come irrilevante, sostenendo che i due Paesi nordici sarebbero già di fatto integrati nell’Organizzazione.

Qualcosa di simile sta accadendo sul fronte europeo, dove la Francia ha proposto di ricreare una Comunità Europea aperta a Gran Bretagna e Ucraina, dopo che la storica CE è stata sciolta dal Trattato di Lisbona.

Insomma, dal sasso gettato da Mosca si allargano una serie di cerchi concentrici nello stagno.

Un paludoso saluto.

Stan

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...