Il cortile del Liceo

Mia cara Berenice,

c’era un tempo in cui l’estate andava da giugno ad agosto.

Ricordo nitidamente il primo anno in cui il caldo arrivò, imperioso e inequivocabile, all’inizio di maggio.

Ero al Liceo, nel cuore dell’età ingrata. Si andava in ricreazione dopo la terza ora, tra i pilastri di cemento armato del cortile come sotto il cavalcavia di un’autostrada. Gli studenti fumavano appoggiati ai piloni, i docenti più dignitosamente davanti all’ingresso, punteggiando le sigarette con qualche sigaro toscano, a rimarcare che, almeno entro i locali d’istituto, il Muro di Berlino non era mai caduto.

Le ragazze gioivano per le precoci tintarelle e lamentavano le minori opportunità di portare i vestiti acquistati per la mezza stagione. I ragazzi, come dicevo, fumavano appoggiati ai piloni.

Non era ancora giunta l’era degli accorpamenti e dimensionamenti selvaggi, degli Istituti Comprensivi e Onnicomprensivi, e quello era ancora un Liceo Ginnasio Statale, intitolato a Concetto Marchesi. I segni dell’incipiente barbarie, tuttavia, c’erano tutti.

Finito il biennio iniziale del Ginnasio, il curriculum diventava quasi completamente scientifico, almeno per i gusti di chi, come me, viveva di rendita traducendo dal latino e dal greco antico. Il tutto era complicato da tre indirizzi linguistici (inglese, francese e tedesco) e due indirizzi sperimentali (linguistico e informatico) che si intersecavano nella stessa Sezione, in un garbuglio didattico e burocratico inestricabile.

Condividevamo l’edificio con un Istituto Turistico che, di anno in anno, andava gonfiandosi, schiacciando le nostre classi sempre più striminzite e ulteriormente decimate da trasferimenti e bocciature.

Poco dopo che ebbi ottenuto il diploma, arrivò inevitabilmente l’accorpamento a un Liceo Scientifico dall’altra parte della città, il Guglielmo Marconi. Fu detto che il Consiglio d’Istituto avrebbe adottato un nuovo nome, individuando una personalità assommante meriti umanistici e scientifici. Si chiama ancora Marconi.

Un nostalgico saluto.

Stan

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...