Diamonds are a girl’s best friends

Mia cara Berenice,

il Veneto ha un legame profondo… no, non con gli schei… o meglio, sì… ma anche con il ciclismo.

Fra le tappe del Giro d’Italia, figura quasi sempre C. Ricordo ancora, sotto i portici del centro, il camice bianco di un ottico, intento a rimirare gli atleti, per una volta, al posto delle diottrie dei clienti. C’è poi un certo posto alle porte della città, una salitella fra i colli, dove gli eroi in calzamaglia sono particolarmente attesi e festeggiati. Con ampio anticipo, i preparativi iniziano a tinteggiare di rosa il paesaggio e chiunque passi per la strada dice “Anche quest’anno passano!”, salvo poi aggiungere, riferendosi a un certo famoso ristorante per cui è nota la strada, “Per forza, il padrone è parente del Governatore!”

Non di sole corse blasonate e presunti intrighi di provincia, tuttavia, vive il ciclismo. Proprio ieri, uscendo di casa, mi sono accorto che si stava allestendo il traguardo di una corsa allievi. Ai due lati erano state allineate delle transenne che avevano la particolarità di essere lignee, anziché metalliche come di consueto: decisamente più belle e probabilmente più ecologiche, ma tali da prestare il fianco a inconvenienti, come vedremo tra breve.

Dovendo recarmi a F., sono salito in macchina e ho imboccato la strada. Tirava però un forte vento, non essendo insolito, da queste parti, che il tempo estivo cominci a guastarsi già a fine luglio. Il caso ha voluto che, in perfetta sincronia con il mio passaggio, una folata particolarmente forte abbattesse, una dopo l’altra, le transenne. Mi sono sentito Marilyn Monroe, usa a far svenire gli uomini al suo passaggio.

Oh, l’incedere maestoso della femme fatale! Siamo usi attribuirlo alle professioniste delle passerelle, ma è molto più letale quando ti coglie di sorpresa, per strada o in spiaggia.

La ragazza di Ipanema di Vinicius de Moraes e Antonio Carlos Jobin che “alta, abbronzata, giovane e bella […] cammina e, nel passare, sorride”.

La donna in rosso di “Matrix” (USA-Australia, 1999).

Yvonne Strahovski in innumerevoli scene di “Chuck” e soprattutto nel quinto episodio della seconda stagione.

Alice Eve in “Lei è troppo per me” (USA, 2010).

Jennifer Lopez nel video ufficiale di “Papi”.

La modella israeliana Bar Refaeli in una delle tante pubblicità girate per il marchio di abbigliamento Irit.

Tu quando vai in Facoltà a esaminare gli studenti.

Un ticchettante saluto.

Stan

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...