Il dubbio

Mia cara Berenice,

sono seduto al tavolino del ristorante e mi chiedo: perché non mi servono il caffè che ho ordinato un quarto d’ora fa?

Per te i camerieri correvano, si scapicollavano, facevano valere le gerarchie interne per servirti.

Non protestavano nemmeno quando ordinavi il cappuccino con la pizza.

Ricordi quando io celiai che mi vergognavo di te e avrei lasciato il tavolo? Ebbene, il titolare, venuto personalmente a prendere la comanda, mormorò a fior di labbra: “Vai pure”.

Se l’Imperatore avesse potuto reclutarti come spia durante la Grande Guerra, non avreste mai perso a Vittorio Veneto.

Te la ricordi, Vittorio Veneto? Ti mostrai il monumento ai caduti, sulla piazza. A quasi un secolo dalla battaglia, la città si abbarbica alle sue glorie militari, con una base aerea scrostata e un comando NATO irto di antenne.

Se tu bussassi a quelle cancellate arrugginite, sono certo che le sentinelle ti farebbero entrare senza problemi. Dubito, del resto, che quelle mura custodiscano ancora scottanti segreti militari.

Indossa il tuo abito migliore e riconquisterete il Lombardo-Veneto in un lampo.

Dopotutto, nelle campagne delle Venezie, ci sono ancora anziani che rimpiangono l’efficiente Amministrazione austriaca.

Un saluto dalla tua devota quinta colonna.

Stan

Un pensiero su “Il dubbio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...