Il castello incantato

Mia cara Berenice,

conoscerai, come tutti, la fiaba della bella addormentata nel bosco, quantomeno nella versione Disney.

Non dormiva sola, ma insieme a tutto il castello, così come gli antichi faraoni pare facessero ammazzare, alla loro morte, tutti i servitori, in modo da poter essere degnamente accuditi nell’aldilà.

Così è Roma, ma immagino l’Italia tutta, nelle settimane centrali di agosto.

Speravo che la pandemia portasse – almeno – ferie più diluite, complice il lavoro agile e la presunta crisi economica… no, ma quale presunzione? Presunzione sarebbe, da parte mia, presumere che la crisi non ci sia perché Tizio e Caia si sono infilati in qualche utilitaria e hanno guadagnato la spiaggia di Ostia. C’è poco da ironizzare e da scherzare, anche quando si scarpina per tutto il quartiere, sotto il solleone, alla vana ricerca di una sartoria aperta.

Mi sono appellato perfino al gruppo Facebook di quartiere che, solitamente, è l’equivalente contemporaneo e telematico dell’Oracolo di Delfi, ma finora senza successo.

Attendiamo trepidanti il responso. Vinceremo la guerra contro i troiani o almeno la prossima Olimpiade?

Ti scrivo dal tavolinetto del giardino, la sera almeno è piacevolissima, non escludo di riuscire a dormire a condizionatore spento.

Un rinfrescato saluto.

Stan

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...